Il concorso ha cercato di diffondere nei ragazzi delle scuole alberghiere la conoscenza dei prodotti della biodiversità agraria marchigiana attraverso un “percorso didattico” che, dagli approfondimenti e ricerche sulla storia di un determinato prodotto del Repertorio regionale e il suo legame col territorio, dalla conoscenza con gli agricoltori custodi della biodiversità è arrivato alla rielaborazione di una ricetta tradizionale in chiave innovativa calata nei nuovi stili di consumo.

 

 

Il 7 marzo 2016 nell’ambito di TIPICITA’ – FERMO: La biodiversità finisce nel piatto! Una giornata-concorso per i giovani chef delle scuole alberghiere marchigiane, che si confrontano con i prodotti più tradizionali e tipici del territorio regionale.

 

Un susseguirsi di show cooking proposti da talentuose promesse che lasceranno il passo ai blasonati, seppur giovani, chef marchigiani: Michele Biagiola ed Enrico Mazzaroni. Ai due alfieri della Marche Cooking Way, il compito di stimolare i ragazzi con le rispettive, personali, interpretazioni di ricetta “biodiversa”.

Protagonista assoluto, uno dei simboli universali della biodiversità: il legume, in questo caso declinato nelle varietà iscritte al repertorio regionale.

L’atto conclusivo della premiazione ha previsto la presenza dell’Assessore all’agricoltura e vicepresidente della Regione Marche, Anna Casini. Contemporaneamente alla gara sono stati organizzati dei Laboratori del Gusto sui temi: olio, legumi, cereali, frutta e verdura, cioccolata.

HANNO PARTECIPATO GLI ISTITUTI ALBERGHIERI:

  • IIS “A. Panzini” – Senigallia APERI... E CHIUDI (1. Polentina con cicerchia 2. Tamburelli con crema di cicerchia 3. Salame al cioccolato con cicerchia)
  • IIS “C. Ulpiani” – Ascoli Piceno ZUPPA DI FAGIOLO MONACHELLO, CON SCAGLIE DI BACCALA’ AL FORNO E SFOGLIE CROCCANTI INTEGRALI ALL’ANICE VERDE DI CASTIGNANO
  • IPSEOA “F. Buscemi” – San Benedetto TORTELLO DI FAGIOLI DELLA BIODIVERSITÀ
  • IIS “Tarantelli” - Porto Sant’Elpidio ZUPPA DI INIZIO AUTUNNO
  • IIS “G. Celli”- Piobbico PANINO CECYLIA
  • IPSEOA “G.Varnelli” – Cingoli LA ROVEJA DELLA PACE
  • IIS “Einstein-Nebbia” – Loreto ZUPPA DI MONACHELLO CON POLENTA CROCCANTE E CARCIOFO

La Commissione di valutazione del Concorso “La Biodiversità in cucina”, composta da:

  • CARLO NICOLINI - Dirigente Scolastico dell’I.I.S. “S.Marta-G.Branca” di Pesaro
  • MICHELE BIAGIOLA - Gastronomo e Chef
  • ENRICO MAZZARONI - Gastronomo e Chef
  • BARBARA ALFEI – Capo Panel Assam
  • LEONARDO VALENTI - Funzionario Assessorato Agricoltura Regione Marche
  • ALBERTO MONACHESI - Responsabile Relazioni e Sviluppo di Tipicità
  • UGO PAZZI – Presidente Slow Food Marche

dopo aver visionato e valutato i lavori inviati dagli Istituti Alberghieri ed assaggiato i piatti durante la giornata del 7 marzo 2016 a Tipicità dedicata interamente al concorso gli stessi ha assegnato i punteggi come previsto dall’art.6 del Regolamento.

Sulla base delle valutazioni effettuate è risultato vincitore della 2ª edizione del Concorso “La Biodiversità in cucina” l’IPSEOA “G. Varnelli” di Cingoli con la ricetta: “LA ROVEJA DELLA PACE”.

Il Premio Tipicità per la biodiversità virtuosa è stato assegnato all’IIS “G. Celli” di Piobbico con la ricetta: “PANINO CECYLIA”.

Si ringraziano vivamente tutti gli Istituti per la collaborazione, la dedizione alla materia trattata e la passione dimostrata nel lavoro.

Questo sito utilizza dei cookie, anche di terze parti, che sono indispensabili per il regolare funzionamento del sito e delle relative funzioni, per consentire il corretto utilizzo del sito e migliorare la tua esperienza di navigazione, rispettando la privacy dei tuoi dati personali. Secondo una direttiva europea, è obbligatorio ricevere il suo consenso in merito. Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno, o semplicemente scrollando la pagina verso il basso, accetti il servizio e gli stessi cookie. Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla Cookie Policy